Domande modulo 4

Durata massima della prestazione lavorativa nei trasporti; principi, applicazione e conseguenze delle norme in materia sociale nel settore dei trasporti su strada; sanzioni per omissione di uso, uso illecito o manomissione del cronotachigrafo; conoscenza del contesto sociale dell'autotrasporto: diritti e doveri del conducente in materia di qualificazione iniziale e formazione permanente.

1) In genere che norme detta il regolamento comunitario n. 561/2006 e quali veicoli sono tenuti al rispetto delle regole imposte dal regolamento ?
Detta le norme sui tempi di guida e di riposo. Sono tenuti al rispetto i conducenti di veicoli trasporto merci superiori a 3,5T e trasporto persone con oltre 9 posti.
2) Quali sono i limiti giornalieri e settimanali dei tempi di guida e i conseguenti periodi di riposo obbligatori ?
Giornalmente, tempo guida max 9 ore (10 due volte a settimana), 56 ore max di guida settimanale e 90 nell'arco di due settimane consecutive. Intervallo di almeno 45' ogni 4,5 ore di guida (o 1 da 15' e 1 da 30'). Riposo giornaliero 11 ore o 9 ridotto (3 max. a settimana). Riposo settimanale 45 ore, ridotto almeno 24 ore. No due ridotti consecutivi. Le ore mancanti, in caso di ridotto, vanno recuperate entro la terza settimana attaccandole a un riposo giornaliero.
3) Cos'è il cronotachigrafo e che tipologie esistono ?
E' lo strumento per misurare la velocità del veicolo e i tempi di guida, lavoro, riposo e disponibilità. Può essere analogico o digitale.
4) Cos'è un foglio (o disco) di registrazione e come deve essere compilato ?
E' un disco di carta che viene messo nel crono analogico e registra, tramite puntina, la velocità e i tempi. Deve essere omologato (riporta una E seguita da numero). Prima dell'inizio del viaggio, occorre scrivere nome e cognome, luogo di partenza, data, targa, km iniziali. Alla fine si registra luogo di arrivo, data, km finale e km fatti per differenza.
5) In caso di guasto del cronotachigrafo entro quanto tempo deve essere riparato lo strumento e come bisogna comportarsi per ottemperare agli obblighi di registrazione ?
Se il viaggio dura meno di sette giorni, ripararlo al rientro, altrimenti bisogna ripararlo durante il viaggio. Nel frattempo, si compila manualmente il disco nella parte posteriore (riportando i soli tempi delle attività).
6) In materia di registrazioni obbligatorie in quali casi il conducente è soggetto a sanzione ?
In caso di non inserimento del disco o della carta tachigrafica, se lo strumento è manomesso, mancante o non funzionante
7) Quali sono le norme di conservazione a bordo e in azienda in materia di registrazioni obbligatorie ?
A bordo, occorrono i dischi dei 28 giorni precedenti (o la carta e dischi e fogli di registrazione), in azienda devono essere conservati per almeno un anno.
8) Cos'è la carta tachigrafica e che tipologie esistono ?
Una carta che registra in formato digitale le attività del conducente. Sono di 4 tipi. Quella del conducente (vale 5 anni e consente la guida), quella aziendale (5 anni e consente lo scarico dei dati dai veicoli della ditta), quella dell'officina (1 anno consente la calibrazione e manutenzione dell'unità di bordo) e di controllo (polizia, vale 1 anno).
9) Cos'è la carta di qualificazione del conducente e da quando è obbligatoria ?
E' il documento che consente la guida di veicoli trasporto merce (oltre 3,5T) o persone (oltre 9 posti) in maniera professionale. Obbligatoria dal 9/9/2008 per persone e 9/9/2009 per merci.
10) Illustrare cos'è cambiato in materia di decurtazione punti a seguito dell'introduzione della CQC.
In caso di infrazioni commesse alla guida dei mezzi per i quali occorre anche la cqc, la decurtazione dei punti avviene su quest'ultima. Quindi, si salvano i punti sulla patente.
11) Cosa si intende per qualificazione iniziale e formazione periodica ?
Qualificazione iniziale si intende un corso e relativo esame per il conseguimento della cqc, formazione periodica si intente un corso (senza esame) per rinnovare la validità. Il corso periodico va fatto da un anno prima a due anni dopo la scadenza. Oltre i due anni, dopo la scadenza, il corso è seguito da esame.