Domande modulo B1

Calcolo del carico utile di un veicolo o di un complesso di veicoli, calcolo del volume totale, ripartizione del carico, conseguenze del sovraccarico assiale, stabilita' del veicolo e baricentro, tipi di imballaggio e supporto del carico. Principali categorie di merci bisognose di stivaggio, tecniche di ancoraggio e di stivaggio, uso delle cinghie di stivaggio, verifica dei dispositivi di stivaggio, uso delle attrezzature di movimentazione, montaggio e smontaggio delle coperture telate.

1) Quali sono le categorie di veicoli merci previste dalla classificazione internazionale ?
N1 Autocarri fino a 3,5 T
N2 Autocarri da 3,5 a 12 T
N3 Autocarri oltre 12 T.
O1 Rimorchi fino a 0,75 T
O2 Rimorchi da 0,75 a 3,5 T
O3 Rimorchi da 3,5 a 10 T
O4 Rimorchi oltre 10 T.
2) Quali sono le categorie di veicoli merci previste dalla classificazione nazionale ?
Autocarri, autoveicoli per trasporti specifici, autoveicoli per uso speciale, autotreni, autoarticolati.
3) Cosa si intende per trasporto di colli e come vengono normalmente raggruppati i colli ?
Detto anche trasporto a collettame, si intende la spedizione di piccole partite di merce raggruppate in pacchi di solito effettuato da corrieri. Si dice a carico completo quando la spedizione è da unico mittente a unico destinatario.
4) Quali sono le tipologie di mezzi normalmente utilizzati per il trasporto in colli ?
Veicoli furgonati e cassonati (con teloni)
5) Cos'è il trasporto alla rinfusa e quali sono i veicoli normalmente impiegati per il trasporto alla rinfusa ?
Merci prive di apposito contenitore o imballaggio. Per i liquidi si usano cisterne, per i solidi cassoni.
6) Che cos'è un veicolo per il trasporto specifico e quali sono le sottocategorie più diffuse ?
Un veicolo atto al trasporto di determinate merci, munito di speciali carrozzerie come cisterne, per trasporto veicoli, furgonature isotermiche, trasporto animali vivi.
7) Quali sono i diversi tipi di cisterna ?
Cisterne per trasporto liquidi, in unico serbatoio o diviso in scomparti, cisterne verticali per materiali pulvirulenti o granulari.
8) Cosa sono i furgoni con certificato ATP e per quali tipologie di merci vengono impiegati ?
Furgoni con carrozzeria isotermica, con o senza frigorifero, atte al trasporto di merci deperibili in regime di temperatura controllata.
9) Cosa sono le bisarche ?
Mezzi atti al carico di veicoli, muniti di due piani inclinabili e pedane per la salita e discesa dei veicoli.
10) Che caratteristiche hanno i furgoni per il trasporto di animali vivi ?
Devono avere sistemi di aerazione, pianale a tenuta stagna e appositi sistemi di raccolta dei liquami, rampe di salita e discesa del bestiame, appositi sistemi per l’alimentazione.
11) Quali sono le principali attrezzature installate sui veicoli per la movimentazione delle merci ?
Una gru caricatrice, di solito montata dietro la cabina, e sponde caricatrici. Nell’azionare la gru, occorre sempre mettere a terra i piedi laterali, verificare la solidità del terreno su cui opera e non sovraccaricare la gru oltre il massimo peso consentito. La sponda caricatrice, di solito posteriore, va azionata sempre con i piedi a terra, se previsti, e non sovraccaricandola.
12) Cosa si intende per attrezzature (o dispositivi) supplementari presenti sui veicoli per la movimentazione delle merci e quali sono i principali ?
Mezzi atti al carico e allo scarico della merce come gru, sponda caricatrice, cassone ribaltabile.
13) Quali sono i limiti di massa generali ?
Autocarri 2 assi 18 T, 3 assi 25 T (26 con sospensioni pneumatiche), 4 assi 32 T.
Autotreni 3 assi 24 T, 4 assi 40 T, 5 o più assi 44 T.
Autoarticolati 3 assi 30 T, 4 assi 40 T, 5 o più assi 44 T.
Rimorchi 1 asse 6 T, 2 assi 22 T, 3 assi 26 T.
Mezzi d’opera 2 assi 20 T, 3 assi 33 T, 4 assi 40 T, 5 assi 56 T (54 per autobetoniera).
14) Cosa si intende per "sovraccarico" e "massa franca" e quali sono le principali sanzioni in caso di sovraccarico ?
Il sovraccarico si ha quando la massa complessiva supera del 5% quella stabilita nella carta di circolazione. La massa franca è quando la massa, pur superando il limite, rientra nel 5% di tolleranza. La sanzione è proporzionata al superamento del limite in ragione di 1, 2 o 3 T se il veicolo è di massa superiore a 10 T o superiore a una percentuale del 10%, 20% o 30% se il veicolo è di massa inferiore a 10 T.
15) Quali sono le principali definizioni tecniche e i dati presenti sulla carta di circolazione ?
Massa a vuoto e massa complessiva, dimensioni.
16) Cos'è e come si calcola il carico utile di un veicolo ?
Facendo la differenza tra la massa complessiva e la massa a vuoto. Carico utile uguale a portata. Nella massa a vuoto, oltre al veicolo, sono compresi il conducente, il pieno di carburante e tutti i dispositivi del veicolo (come ruota di scorta, attrezzi, ecc.).
17) Cos'è la targhetta identificativa del veicolo (targa V.I.N) ?
Una targhetta in metallo posizionata in maniera visibile su una parte del telaio con il numero di telaio e i dati della masse ammesse del veicolo.
18) Il conducente che ha bisogno di fare un calcolo approssimativo della massa effettiva per asse, per verificare velocemente se sono stati rispettati i limiti, che calcolo pratico può fare ?
Con un carico distribuito uniformemente, divide la massa effettiva per il numero di ruote e moltiplica quindi il valore per il numero di ruote di ogni asse. Ad esempio, massa effettiva 12T, 2 assi con posteriore con ruote gemellate (totale 6 ruote), ogni ruota carica 2T, quindi 4T sull’anteriore e 8T sul posteriore.
19) Come si calcola il volume di un cassone ?
Si calcola la superficie del pianale (larghezza x lunghezza) e si moltiplica per l’altezza utile interna. In caso di cassone aperto, la superficie del pianale va moltiplicata per la differenza tra l’altezza massima (4 m) e l’altezza da terra del pianale di carico. Il risultato si esprime in mc3.
20) Come deve essere sistemato il carico e quali sono le responsabilità che gravano sul conducente relativamente al carico ?
Deve essere distribuito in maniera omogenea, senza sovraccaricare gli assi, se un collo molto pesante posizionarlo al centro del piano di carico e utilizzare traverse di legno per evitare di danneggiare il pianale.Il carico va posizionato nei limiti privilegiando la disposizione in orizzontale, per mantenere quanto possibile in baricentro più in basso. I colli pesanti vanno messi sotto ai colli leggeri. Il conducente è responsabile del sovraccarico, dell’errata sistemazione e della sua caduta.
21) In particolare a cosa deve prestare attenzione il conducente in materia di fissaggio, sia durante il carico che durante il trasporto vero e proprio ?
Aver cura di fissarlo con corde e cinghie ben tese, per colli cilindrici utilizzando anche appositi cunei. Durante il trasporto, controllare che le cinghie non siano allentate.
22) Quali sono le conseguenza di un'errata sistemazione del carico e che comportamento bisogna adottare in caso di perdita del carico ?
Un problema di stabilità del veicolo in curva o in frenata (carico che sposta il baricentro in senso laterale o longitudinale) con conseguente ribaltamento o sollecitazione eccessiva dell’avantreno. In caso di caduta, deve segnalare il carico caduto provvedendo, nei limiti, a liberare la carreggiata o dando immediata comunicazione alle autorità.
23) Cosa si intende per logistica e in che branche si divide ?
L’organizzazione delle attività organizzative, gestionali e strategiche dell’attività. Gestione dei flussi di materie prime (logistica di approvvigionamento), semilavorati (logistica industriale) e prodotti finiti (logistica distributiva).
24) Cosa si intende per trasporto intermodale e trasporto combinato ?
Intermodale significa trasporto effettuato con mezzi diversi, combinato un trasporto in prevalenza su ferrovia o via navigabile e con parte iniziale o finale su gomma.
25) Dare le seguenti definizioni: unità di trasporto, unità di carico e unità di movimentazione.
Unità di trasporto è un mezzo, come autocarro, autotreno o autoarticolato. Unità di carico è un numero di cose disposte in maniera tale da poter essere considerate un unico soggetto (pallet o container). L’unità di movimentazione è l’elemento che consente lo spostamento dell’unità di carico da una unità di trasporto all’altra o da magazzino all’unità di carico.
26) Cos'è il pallet ? Specificare che tipologie esistono e quali sono le dimensioni standard in Europa.
Un pianale in legno o metallo utilizzato per l’appoggio di vari materiali, destinato all’immagazzinaggio e movimentato tramite carrelli elevatori e transpallet. In europa le misure sono 80x120 cm.
27) Cosa sono i contenitori (o container) e quali sono le dimensioni standard ?
E’ un contenitore di merci atto al trasporto intermodale. Durante lo stoccaggio possono essere impilati. Le dimensioni standard sono larghezza 8 piedi (244 cm) Altezza 259 cm) e due lunghezze standard di 20 o 40 piedi (610 o 1220 cm).
28) Cos'è la cassa mobile ? Quali sono le dimensioni standard e che caratteristiche presentano ?
Unità simile al container ma di dimensioni diverse. Più leggera del container, non può essere sovrapposta. Larghezza 250 cm, altezza 262 cm, lunghezza di 715, 1250 o 1360 cm.
29) Cosa si intende per imballaggio e quali sono i principali tipi di imballaggio ?
L’imballaggio è il contenitore esterno della merce. Scatole di cartone, contenitori in metallo, casse in legno.
30) Quali sono le funzioni principali delle unità di carico ?
Quelle di poter essere facilmente trasferite da un sistema di trasporto ad un altro e la facilità di movimentazione da automezzo a magazzino.
31) Fare qualche esempio di marcatura grafica prevista per gli imballaggi di trasporto.
Freccia in alto, indica il verso di posizionamento, un bicchiere significa contenuto delicato e che teme gli urti, ombrello significa che teme l’umidità.
32) Quali sono i principali dispositivi di fissaggio e quali sono i criteri per scegliere un adeguato dispositivo di fissaggio ?
Corde e cinghie di ancoraggio, sistemi twist lock per container e casse mobili, uncini e ganci per carrozzerie scarrabili, cunei con contenitori cilindrici.
33) Cosa sono le unità di movimentazione e quali sono quelle più diffuse ?
Sono dispositivi atti alla movimentazione delle unità di carico. I carrelli elevatori e i transpallet per i pallet, le gru e i carrelli per movimentare container e casse mobili.