Guida accompagnata: ecco il decreto

Finalmente uscito il regolamento che consente ai 17enni di iniziare a guidare le auto



guida accompagnata

Pubblicato sulla GU 298 del 23/12/2011 il decreto ministeriale che regolamenta la guida accompagnata ai minorenni, una specie di "foglio rosa" che consentirà ai 17enni di cominciare a prendere pratica con l'autovettura sotto la visione di un accompagnatore. Il decreto entrerà in vigore 120 giorni dopo la pubblicazione, quindi si comincerà dal 21 aprile 2012. Vediamo in sintesi come funzionerà.


Innanzitutto, occorre essere possessori di patente di guida, e visto che parliamo di minorenni la sola patente a cui si fa riferimento è la A1. Occorrono i versamenti (2 per complessivi 42 euro circa), e una dichiarazione sostitutiva del genitore o tutore (occorrerà sempre l'autorizzazione del genitore per tutti i passaggi). La certificazione medica viene richiesta solo a chi deve fare adattamenti al veicolo. Si presenta la domanda all'Umc e, superate le verifiche sulla patente, viene rilasciata una ricevuta con scadenza al 18 anno di età (o, in caso, alla scadenza della patente). Non è quella che serve per guidare, ma quella per accedere al corso propedeutico di un'autoscuola che dovrà fare le prime guide. Sono almeno 10 ore in varie condizioni (previste dall'all. 4 del DM). Al termine, viene rilasciato un attestato di frequenza, da parte dell'autoscuola, insieme alle attestazioni originali delle ore di guida effettuate. Attenzione, il genitore o tutore, d'intesa con l'autoscuola, potrebbero anche convenire ad effettuare delle ore supplementari. A questo punto, con attestato di frequenza, certificazione delle guide e con la dichiarazione degli accompagnatori designati (al massimo tre, età non superiore a 60 anni, patente da almeno 10 anni e che non abbiano avuto provvedimenti di sospensione patente negli ultimi cinque anni) si torna all'Umc che, verificato che gli accompagnatori non hanno provvedimenti in corso o negli ultimi cinque anni, provvede al rilascio dell'autorizzazione della guida accompagnata vera e propria. Il contrassegno da apporre sull'auto deve essere conforme a quello dell'all. 9 del DM. Lettere GA nere su fondo giallo retroriflettente. Difficile da stamparsi a casa.

contrassegno guida accompagnata

Ultima cosa. Ai fini della responsabilità nella circolazione, è il minore che risponde in prima persona in caso di violazioni per le quali sono previste sanzioni accessorie degli artt.li 218 e 219 (sospensione o revoca della patente) con la revoca del diritto alla guida e il divieto di poterlo riconseguire.

Per approfondimenti DM 213 del 11/11/2011

26/12/2011